martec PET CARE - cura naturale per gli animali domestici

Infezioni da parassiti

Quasi ogni animale domestico soffre di un’infestazione parassitaria nel corso della sua vita, il che non ha nulla a che fare con una scarsa igiene. Per evitare danni alla salute, è importante individuare l’infestazione nel più breve tempo possibile e trattarla correttamente. Abbiamo elencato per voi i sintomi di un’infestazione e i possibili pericoli.

Pulci

Le pulci non hanno le ali, ma gambe robuste, che permettono loro di saltare fino a un metro e quindi passare da animale ad animale o da animale ad umano. Un’infestazione da pulci può portare a infiammazioni cutanee e anemia nell’animale domestico. Un segno di un’infestazione da pulci può essere un costante nervosismo dell’animale o un pelame ispido.

Le pulci sono anche portatrici del cosiddetto verme solitario del cetriolo, il verme solitario più comune tra i cani. Le uova di verme vengono raccolte dalle larve delle pulci e si sviluppano ulteriormente lì. Attraverso la cura naturale del pelo degli animali, il verme viene assorbito e raggiunge l’intestino, dove si sviluppa in 20 giorni in un verme solitario. Il verme solitario adulto può crescere fino a 70 cm di lunghezza e deve essere trattato da un veterinario.

Zecche

Le zecche hanno circa le dimensioni di uno spillo e appartengono alla sovrafamiglia degli acari e quindi agli animali della specie ragno. A differenza di quanto molti pensano, le zecche non cadono dagli alberi, ma si trovano ad un’altezza massima di 1,5 metri e possono essere rimosse passando vicino ad un ospite adatto. Oltre alla malattia di Lyme e alla meningoencefalite di inizio estate, ci sono altre malattie causate dalle zecche come l’anaplasmosi, la babesiosi e l’ehrlichiosi.

La malattia di Lyme è una malattia batterica in cui i sintomi di solito appaiono 4-6 settimane dopo il morso della zecca. I sintomi tipici sono la perdita di appetito, la fatica e la febbre. Negli esseri umani, c’è spesso un arrossamento a forma di cerchio della pelle intorno al sito del morso. Tuttavia, questo è completamente assente negli animali domestici o è coperto dall’ pelo, motivo per cui la malattia viene spesso scoperta solo in una fase successiva. La malattia può causare dolorose infiammazioni articolari nei cani e in alcuni casi può anche colpire gli organi e il sistema nervoso. Per questo motivo, si raccomanda di rimuovere sempre la zecca il più rapidamente possibile, utilizzare repellenti per le zecche e vaccinare gli animali domestici contro di loro.

L’anaplasmosi può essere fatale, ma il tasso di mortalità tra gli animali è basso. I sintomi includono affaticamento e svogliatezza, febbre, dolori muscolari e articolari, gonfiore e zoppicosità delle articolazioni. Molti animali domestici non sono disposti a mangiare e perdono peso. Può anche portare ad un aumento della sete. L’anaplasmosi porta spesso ad un ingrossamento del fegato, della milza o dei linfonodi. Un segno di ciò è quando l’animale improvvisamente non si lascia più toccare nella zona addominale o ai linfonodi o mostra dolore sotto pressione (come nel caso della palpazione). Nel decorso successivo dell’anaplasmosi possono verificarsi sanguinamento delle meningi e danni agli occhi (distacco della retina, cecità). Le complicazioni includono meningite, mancanza di respiro e insufficienza degli organi. Poiché non è stato ancora sviluppato un vaccino contro questo agente patogeno, è importante proteggere gli animali domestici con repellenti contro le zecche e rimuovere la zecca il più rapidamente possibile in caso di infestazione.

Il virus TBE, che scatena la meningoencefalite di inizio estate, è una malattia rara negli animali domestici, ma spesso fatale. I sintomi tipici sono febbre, tremore muscolare, vertigini, paralisi e allungamento eccessivo del torso e delle estremità. A differenza degli esseri umani, nessun vaccino è stato ancora sviluppato per gli animali domestici, quindi è ancora più importante proteggere il vostro animale domestico con repellenti contro le zecche e controllare regolarmente il vostro animale domestico da zecche.

La babesiosi era originariamente considerata una malattia da viaggio. Mentre le temperature continuano ad aumentare, gli agenti patogeni si diffondono più a nord. L’infezione da babesiosi distrugge i globuli rossi dell’animale domestico, si verifica spesso in modo acuto e può portare alla morte in pochi giorni. Circa 1-3 settimane dopo il morso della zecca, compaiono i primi sintomi come febbre alta e uno scolorimento scuro delle urine. Altri sintomi includono affaticamento, perdita di appetito, frequente ittero, mucose pallide, bassa pressione sanguigna, ingrossamento della milza o insufficienza di organi multipli. In caso di tali sintomi, consultare immediatamente un veterinario.

L’ehrlichiosi si verifica principalmente nelle regioni più calde come i tropici, le zone subtropicali e il Mediterraneo. La trasmissione è causata da batteri, che infettano i globuli bianchi degli animali domestici. L’ehrlichiosi si distingue tra malattia acuta e malattia cronica. Quest’ultima, tuttavia, è più difficile da trattare. La fase acuta si verifica solitamente intorno ai 10 giorni dopo l’infezione, con i sintomi più comuni come febbre, affaticamento, perdita di appetito, gonfiore dei linfonodi ed eventualmente contrazioni muscolari. La malattia può essere trattata con una terapia adeguata, tuttavia i proprietari di animali domestici dovrebbero sempre portare con sé una protezione efficace contro le zecche quando viaggiano.

Acari

Gli acari preferiscono vivere in luoghi dove trovano cibo animale o vegetale. A causa delle loro dimensioni corporee inferiori a un millimetro, non sono visibili ad occhio nudo. Anche se gli acari non trasmettono agenti patogeni, possono causare una malattia infettiva della pelle associata a un forte prurito. Altri sintomi sono brufoli, croste, perdita di capelli, incrostazioni nelle orecchie e forfora. Alcuni acari possono anche essere trasmessi dagli animali domestici agli esseri umani. Inoltre, gli acari possono sopravvivere per un certo tempo senza portatore in determinate condizioni. È quindi estremamente importante che non solo gli animali da compagnia siano trattati con protezione una antiparassitaria, ma anche l’ambiente, ad esempio con lo spray Insecticide martec PET CARE.

Pidocchi

I pidocchi sono piccoli insetti che possono essere presenti in quasi tutti i tipi di animali domestici. Si distingue tra pidocchi del sangue e pidocchi dei capelli.

I pidocchi del sangue, come suggerisce il nome, si nutrono del sangue dell’animale che li ospita. Anche se si trovano principalmente negli uccelli, praticamente tutti i mammiferi possono essere infettati, compresi gli esseri umani. Possono sopravvivere per mesi senza cibo e con forti sbalzi di temperatura e sono estremamente difficili da combattere. Nei cani e gatti i pidocchi del sangue sono fortunatamente piuttosto rari.

I pidocchi dei capelli, detti anche pidocchi di pellame, vivono permanentemente nella pelliccia dell’animale e si nutrono delle sue squame cutanee e del sangue. Hanno una dimensione di circa 1-2 mm e sono quindi riconoscibili ad occhio nudo. Con un pettine per pidocchi i parassiti possono essere facilmente scoperti e pettinati via.

I sintomi di un’infestazione sono prurito e gravi graffi, un odore di muffa della pelliccia, lesioni cutanee o infezioni causate da graffi. Proteggete i vostri animali domestici con prodotti antiparassitari. L’ambiente animale deve essere accuratamente pulito e trattato con Spray Insecticide martec PET CARE. È importante che tutti gli animali domestici siano sempre trattati contemporaneamente, in modo da evitare un’ulteriore diffusione. Utilizzare i biocidi in modo sicuro. Leggere sempre l’etichettatura e le informazioni sul prodotto prima dell’uso.